//
Alias in linux shell Bash

Tramite i file di configurazione è possibile personalizzare le opzioni della nostra shell.
Una caratteristica utile riguarda la possibilità di definire alias di comandi validi soltanto per il proprio utente.
Risulta parecchio utile la ridefinizione di un semplice comando personalizzando secondo i nostri bisogni le opzioni che abitualmente utilizziamo, risparmiando così il tempo e la seccatura di digitare lunghe stringhe di testo.
Per esempio, per impostare la stringa di comando ls -l -h –short=time –color=always
come alias del comando list è sufficiente inserire al prompt $ alias list=‘ls -l -h –short=time –color=always’
I parametri -l e -h istruiscono ls affinchè l’output contenga i nomi dei file presenti nella directory corrente accompagnati
da tutti i dettagli caratteristici quali la data di creazione, la proprietà e la grandezza, che saranno visualizzati in formato
tabellare più comodo per la lettura.
I parametri –sort=time e –color=always fanno in modo che l’output venga ordinato in base alla data di creazione
o all’ultima modifica, e aggiungono la tipica colorazione a secondo del tipo di file.
Per rendere esecutiva la direttiva alias a ogni login dell’utente è necessario editare il file .bash_profile, che risiede nella
directory $home dell’utente e memorizzare le relative informazioni.
Oltre alla definizione di alias sulla base di opzioni di singoli comandi è possibile creare composizioni di comandi
diversi per ottenere un output specifico e mirato alle particolari esigenze dell’utente.
Prendiamo in esame l’output del comando ps -aux. Il comando ps fornisce la lista dei processi attivi sul sistema
con le relative statistiche, quali l’occupazione di memoria, l’occupazione di Cpu, il proprietario del processo
e lo stato di esecuzione.
L’output di questo comando, con i parametri sopra specificati, consente all’utente di venire a conoscenza
di tutti i processi che girano sul proprio sistema e non solo dei propri, generando in molti casi una lista interminabile.
Per risolvere questo problema possiamo utilizzare una pipe tra i comandi ps e grep in modo da poter
visualizzare soltanto i processi che interessano l’utente che si sta utilizzando: $ ps -aux | grep ‘whoami’
per rendere ancora più semplice questa operazione è possibile creare un alias di questa combinazione e
inserirla nel file ~/.bash_profile del proprio utente: alias pp=’ps -aux grep ‘whoami’.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: