//
Nei meandri della rete: Il CyberSpace

Il termine viene coniato nel 1982 dall’autore e scrittore di fantascienza William Gibson e’ si riferisce ad un’ambiente virtuale cablato.
Ovvero il mondo invisibile creato dalle connessioni di terminali remoti (pc e qualsiasi apparecchiatura interconnessa) che creano una rete in grado di veicolare bits.
La nostra odierna rete Internet e’ un esempio di Cyberspace e rende parecchio l’idea di come possa essere complesso un cosi’ vasto universo di informazioni che transitano continuamente ed incessamente su tale spazio fisico (la rete).
Diciamo che esiste un universo tangibile che testimonia la nostra esistenza ed un universo metafisico anche se composto alla stesso modo di materia, costituito da impulsi elettrici che non sono altro che informazioni digitali.
Fonti che originarono il termine:
Romanzo “La notte che bruciammo Chrome” – William Gibson (1982)
Romanzo “Neuromante” – William Gibson (1984)
E proprio con Neuromante che nel 1985 vinceva i piu’ prestigiosi premi letterari del romanzo di fantascienza ovvero: Hugo, Nebula, Philip K. Dick, viene descritto un futuro prossimo, in cui il potere politico e’ morente ed il pianeta risulta governato dall’economia delle multinazionali, dove regna la dimensione immateriale della comunicazione come espressione di tale dominio che esercita il propio potere al’interno di un enorme rete mondiale di computer (cyberspazio).
E’ l’informazione l’espressione del potere e i loro proprietari per mezzo di entita’ informatiche la difendono.
Il cyberspace si presenta quindi come un’entita’ tangibile, governata da leggi matematiche, come un’ambiente dove determinati individui possono percorrere e perfino viverci operando fattivamente al suo interno.
Il romanzo successivo “Count Zero” è stato tradotto in italiano con il titolo “Giù nel ciberspazio” a prova del fatto che a W. Gibson viene attribuita in maniera unanime la paternita’ del termine.
Spesso al termine CyberSpace viene accostato quello di “matrice” con analoga connotazione.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: